Il Parlamento europeo inaugura la Casa della storia europea il 6 maggio 2017

Il Parlamento europeo inaugura la Casa della storia europea il 6 maggio 2017

La Casa della storia europea vuole incoraggiare i cittadini a riflettere e a discutere sulla storia dell’Europa e sull’integrazione europea. Tra i suoi obiettivi: una maggiore conoscenza, lo stimolo della curiosità e, con il tempo, diventare un luogo per scambiarsi idee, riflettere e dibattere sull’Europa e sulla sua storia, riavvicinando le persone, le istituzioni e le organizzazioni che si occupano di storia europea. I visitatori saranno stimolati a valutare criticamente la storia europea, il suo potenziale e il suo futuro.

Questo pomeriggio Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, ha inaugurato la Casa della storia europea in una cerimonia ufficiale, alla presenza dell’ex Presidente del Parlamento europeo, Hans-Gert Pöttering (Presidente del Consiglio direttivo della Casa della storia europea) e del professore Wlodzimierz Borodziej (Presidente del Comitato accademico della Casa). Il museo sarà aperto al pubblico a partire da sabato 6 maggio.

Per l’occasione, il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha dichiarato: “Questa Casa rappresenta quello che abbiamo in comune e le esperienze che abbiamo condiviso. Non è solo la Casa della storia europea, ma è anche la Casa dell’identità europea e della memoria europea.”

L’ex Presidente del Parlamento europeo, Hans-Gert Pöttering, ora Presidente del Consiglio direttivo della Casa, ha dichiarato: “La Casa della storia europea si prefigge di aiutare i cittadini ad affrontare il futuro con saggezza e con fiducia, un futuro che oggi potrebbe sembrare problematico e irto di minacce. Si tratta di una Casa che, illustrandoci le dinamiche della storia europea, ci permette di comprendere meglio la storia recente, ma anche il presente.”

Il Professor Wlodzimierz Borodziej, Presidente del comitato accademico della Casa, ha dichiarato: “Al pari dell’Unione, il compito della Casa della storia europea non sarà mai completo. Sarà sempre un archivio del periodo in cui le esposizioni permanenti e le relative esposizioni temporanee sono state create. Da ultimo, ma non per questo meno importante, rimarrà un archivio delle contese della nostra piccola appendice d’Asia, dove viviamo e di cui dobbiamo a giusto titolo essere orgogliosi.”

Le mostre nell’esposizione permanente della Casa della storia europea sono state raccolte da circa 300 musei e collezioni provenienti da tutta Europa e oltre. Per ulteriori informazioni sulle esposizioni e sui partner della Casa della storia europea, potete visitare il sito della Casa della storia europea.

“Interazioni. Secoli di commercio, guerra e creazione” è la prima esposizione temporanea della Casa della storia europea che sarà aperta al pubblico fino al 31 maggio 2018. Questa esposizione mette in luce momenti esemplificativi e narra la storia di incontri e di scambi nella storia europea.

Il museo offre inoltre programmi d’istruzione, eventi per i visitatori, pubblicazioni e materiale multimediale.

Add your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *