Il Presidente Tajani: “Se non agiamo subito, entro il 2050 nei mari avremo più plastica che pesce”

Il Presidente Tajani ospita la conferenza ad alto livello sul futuro degli oceani: "Se non agiamo subito, entro il 2050 nei mari avremo più plastica che pesce"

Il Presidente Tajani ospita la conferenza ad alto livello sul futuro degli oceani: “Se non agiamo subito, entro il 2050 nei mari avremo più plastica che pesce”

Oggi al Parlamento europeo si è tenuta una conferenza ad alto livello sul futuro degli oceani, alla quale hanno partecipato oltre 1200 fra leader politici, ricercatori ed esperti del settore.

Nel suo intervento, il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha dichiarato:

“Mari e coste pulite sono una risorsa economica, commerciale e turistica unica al mondo. Ma se non agiamo subito, se continueremo a sfruttare ed inquinare i nostri oceani in maniera irresponsabile, entro il 2050 nei mari vi sarà più plastica che pesce.”

“Il Parlamento europeo è in prima linea nella battaglia per la sostenibilità ambientale. Stiamo dando risposte concrete ai milioni di ragazzi scesi in piazza per chiedere di salvaguardare il pianeta e i suoi oceani. Siamo dalla loro parte.”

“Ci siamo battuti per includere la tutela degli oceani fra gli obiettivi di sviluppo del millennio delle Nazioni Unite. La scorsa settimana, a Strasburgo, abbiamo approvato una direttiva che mira a ridurre drasticamente la quantità di plastica in mare, anche facendo in modo che le navi smaltiscano i propri rifiuti a terra.”

“Il 70% degli oggetti che inquinano i nostri mari sono composti da plastica monouso”, ha aggiunto Tajani, “per questo, il Parlamento europeo ha approvato una direttiva che vieta questo tipo di plastica a partire dal 2021. Inoltre, abbiamo varato un pacchetto sull’economia circolare che mira a cambiare il modo in cui produciamo, rendendolo più sostenibile ed incentivando il riciclo ed il riutilizzo dei rifiuti. Il nostro obiettivo è riciclare almeno 1 milione di tonnellate di plastica. In termini ambientali ciò equivarrebbe a togliere ben 1 milione di auto dalle strade.”

Tajani ha concluso ricordando che il Parlamento europeo chiede maggiori sforzi anche in termini di investimenti: “La battaglia per il pianeta si combatte anche dotandosi delle risorse necessarie. Il Parlamento europeo ha chiesto di aumentare del 50% i fondi del nuovo programma Orizzonte Europa, portandoli a 120 miliardi di euro, anche per puntare su tecnologie pulite e sull’economia circolare. Chiediamo che almeno il 30% di tutte le azioni previste nel prossimo bilancio dell’Unione 2021-2027, e il 35% di Orizzonte Europa, vada a sostegno della sostenibilità.”

“Tutela dell’ambiente, ricerca, innovazione, industria sono indissolubilmente legate. La continua dialettica tra Università, centri di ricerca, associazioni e imprese è la chiave per un proficuo matrimonio tra ambiente ed un’economia innovativa e competitiva che possa creare nuovi posti di lavoro.”

 

Add your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *